Sicurezza nelle scuole: La Flc Cgil di Messina a fianco del liceo di Patti

Oggi alle ore 10,00 alla provincia si sono aperte le buste per le offerte della gara d’appalto per la costruzione dell’edificio scolastico del liceo scientifico di Patti. Una cinquantina tra studenti, genitori, personale docente e non docente del Liceo di Patti, insieme a ben quattro Sindaci del comprensorio, ricevuti anche dal Presidente della Provincia, hanno preteso davanti al Palazzo dei Leoni, la dovuta attenzione rispetto ad un tema che è ormai un’antica rivendicazione della loro comunità e dei comuni limitrofi: locali idonei alla sicurezza ed alla formazione degli studenti liceali! Tecnici, politici ed il Presidente Ricevuto assicurano: il 18 gennaio prossimo si avrà l’esito della valutazione tecnica delle offerte e con molta probabilità si potrà assegnare l’appalto alla ditta vincitrice, Patti avrà un Liceo Scientifico, una vera scuola.
“Già dal 5 Novembre 2010 questi studenti hanno rappresentato le loro rivendicazioni durante un’assemblea pubblica della Flc CGIL tenuta nei locali del Comune di Patti” ricorda Graziamaria Pistorino Segr. Gen. della Flc di Messina “La scuola dovrebbe essere il luogo più accogliente di una comunità, lì dove si forma il futuro di quella comunità: i suoi figli! Eppure in questa provincia le scuole non sono un luogo sicuro né per gli alunni, né per i lavoratori, la capienza delle aule non rispetta i limiti massimi consentiti, le palestre non ci sono, i laboratori men che meno, le barriere architettoniche non ci mettono fretta: tutto può restare così!”
Più volte, come Flc CGIL, ma anche insieme alla Confederazione e alla Fillea, la categoria che si occupa dei lavoratori edili, abbiamo affrontato il tema della sicurezza e dell’edilizia scolastica, denunciando il quadro di riferimento sullo “stato” degli edifici scolastici nella nostra realtà provinciale: lo stato del Liceo “Medi” di Barcellona, collocato in appartamenti, il sovrannumero al “Seguenza” di Messina, la paradossale situazione delI’istituto Nautico che sposta gli alunni da un plesso all’altro al cambio dell’ora, ma anche il grave esproprio delle classi degli alunni della scuola elementare dell’isolato 88 da parte del Comune di Messina,…
In particolare, in questi anni, abbiamo rilevato l’importanza da parte degli EE.LL. (comuni, provincia e regione) non solo di conoscere il numero degli edifici di proprietà e di quelli in affitto, l’anno di costruzione, la destinazione d’uso, le condizioni dei locali e ogni altra informazione utile per la composizione di un quadro informativo ben definito, ma soprattutto la definizione di un piano organico per la formazione degli studenti e soprattutto per la costruzione di progetto di sviluppo per il territorio siciliano.
Le istituzioni scolastiche, gli studenti, i lavoratori della scuola aspettano nei prossimi giorni il nuovo Piano di Dimensionamento regionale, in quella sede l’Assessore Centorrino, insieme agli assessori provinciali all’istruzione della Sicilia, disegnerà attraverso le scuole e gli indirizzi di studio, le vocazioni professionali che si possono realizzare nella nostra terra. I ragazzi di Patti, ad esempio, aspettano l’istituzione di un Liceo Linguistico.
La Flc CGIL, pertanto, chiede uno specifico tavolo ed auspica che si possano predisporre le necessarie sinergie istituzionali, a partire dall’Ufficio Scolastico Provinciale e degli EE.LL., in particolare i Comuni e la Provincia Regionale di Messina, perché ci sia una vera progettualità per l’istruzione inferiore e superiore, per le classi che accolgono alunni diversamente abili, ed inoltre che l’A.S.L. e i dipartimenti provinciali e regionali della Protezione Civile, si attivino celermente perché non diventi un concreto rischio per la sicurezza frequentare classi sovraffollate e fatiscenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *