Oltre 250 scuole occupate, decine di migliaia di studenti medi oggi paralizzano oltre 50 città

In questo momento oltre 50 piazze in tutta Italia si stanno riempiendo di studenti medi, universitari, ricercatori e precari. Oggi 30 novembre, giornata di mobilitazione nazionale contro l’approvazione del ddl Gelmini alla Camera e per la costruzione di un’alternativa dal basso dei processi di produzione della conoscenza (l’AltraRiforma). Le stime dai picchetti sin dalle prime ore della mattinata giungono ad oltre 50.000 studenti medi in piazza con blocchi del traffico, flash-mob sul diritto allo studio e l’edilizia, azioni coordinate nei luoghi simbolo della cultura. “Anche gli studenti delle scuole sono oggi in piazza assieme agli universitari e ai ricercatori – spiega Tito Russo, Coordinatore dell’ Unione degli Studenti” – perchè ci sentiamo parte di un’unica battaglia a difesa della cultura e della conoscenza nel nostro paese che è sotto il feroce attacco del governo.” “Protestiamo oggi prosegue Russo, anche per il miglioramente dell’edilizia scolastica”. L’Unione degli Studenti sta raccogliendo i dati strutturali di tutte le scuole italiane nel quadro della campagna “Sicuri da Morire”. I primi risultati sono agghiaccianti e smentiscono le dichiarazioni di giubilo del Ministro Gelmini sul completamento del monitoraggio. Circa 547 edifici monitorati risultano non a norma dell’ex legge 626, con mancanza di banchi, sedie, acqua corrente nei servizi igienici. Oltre 300 sono sprovviste di un piano di evacuazione in caso di incendio e quasi tutte non hanno i certificati di stabilità aggiornati. “Ci chiediamo come il Governo nella legge di stabilità possa da un lato azzerare i fondi sull’edilizia scolastica e contestualmente aumentare di 125 milioni di euro il contributo pubblico alle private e alle paritarie che di certo problemi strutturali non ne hanno.” dichiara Tito Russo, cordinatore nazionale UdS.
UNIONE DEGLI STUDENTI

Di seguito l’elenco delle principali iniziative di oggi, sul sito www.retedellaconoscenza.it  e www.unionedeglistudenti.it  la diretta in tempo reale delle principali proteste

Roma
Roma in questi minuti un nutrito corteo di scuole in agitazione con oltre 2000 studenti medi si sta concentranto al piazzale antistante la Biblioteca Nazionale, in zona Castro Pretorio. Presenti le scuole occupate e autogestite del X Municipio (De Chirico, Gullace); VI e VII Municipio (Giorgi, D’Assisi, Alberghiero di Centocelle, Kant), II e IV (Avogadro, Giulio Cesare, Plinio Seniore, Albertelli, Righi), Eur (Aristotele, Ruiz, Vivona).
In testa al concentramento Andrea Capalti, UdS Roma, che dichiara “raggiungeremo Piazzale Aldo Moro dove si stanno concentrando i ricercatori e gli universitari ed insieme partiremo alla volta di Montecitorio per assediare chi con manovre di palazzo sta compiendo uno dei delitti più efferati degli ultimi tempi: il delitto allo studio e al futuro della nostra generazione”.
PER INFO DALLA PIAZZA – FEDERICO 3381457336

Bologna
Stamane occupate 8 scuole (Belluzzi, Righi, Rosa Luxemburg, Minghetti, Copernico, Laura Bassi, Pacinotti e Albini) che stanno confluendo in Piazza Verdi scandendo slogan contro la Crisi e chi l’ha provocata.
PER INFO DALLA PIAZZA – Matteo 3297489626

Torino
Gli studenti medi si stanno concentrando a Piazza Arbarello con alla testa le scuole principali in occupazione permanente in questi giorni: D’Azeglio, Copernico, Marchesini, Cavour e Volta.
PER INFO DALLA PIAZZA – Matteo 3492623559

Milano
Anche il “No Gelmini Day” di Milano sta raccogliendo oltre 2500 studenti medi in Largo Cairoli. Le rivendicazioni principali sono sui tagli indiscriminati alle ore di laboratorio dei tecnici e professionali da parte delle scuole Tenca, Volta, Bottoni, Cremona. Cortei spontanei dalle scuole con l’obiettivo di bloccare il traffico da parte degli studenti dell’Allende, Leonardo da Vinci, Virgilio, Manzoni, Berchet, Brera, Setti Carraro. Laps Milano, realtà milanese dell’Unione degli Studenti, afferma: “Ci mobilitiamo non solo contro i provvedimenti, costruiti su misura grazie ai tagli, ma per costruire l’AltraRiforma, la scuola dal basso, democratica e partecipata”. Già occupate le stazioni di Cadorna e Garibaldi.
PER INFO DALLA PIAZZA – Martina 3406867408

Napoli
A Napoli circa 3.000 studenti medi insieme agli universitari si stanno muovendo da Piazza del Gesù. Nel mirino degli studenti l’edilizia scolastica nel ricordo di Vito Scafidi, studente di Rivoli morto il 23 novembre 2008, per il crollo del controsoffitto. Anche le scuole occupate di Marano e della zona Est presenti.
PER INFO DALLA PIAZZA – PASQUALE 3272026810

Bari
Corteo spontaneo per le vie del centro cittadino delle scuole in mobilitazione: Scacchi in testa allo spezzone che raccoglie oltre un migliaio di studenti che si sta dirigendo verso il teatro Petruzzelli, il Cartesio effettua una proiezione sul ddl in piazza, il Socrate in assemblea autoconvocata. In provincia tutte le scuole occupate per l’AltraRiforma a Monopoli e nel Sud Est Barese.
PER INFO DALLA PIAZZA – FRANCESCA 3461234420

Lecce
5.000 studenti sono partiti da Porta Napoli: le scuole presenti sono quelle che hanno portato avanti la protesta in questi giorni e cioè il Palmieri e l’ Artistico.
PER INFO DALLA PIAZZA – CARLO 3475038518

Genova
Da Piazza Caricamento un lungo corteo spontaneo di 7000 studenti medi di 13 scuole occupate e autogestite. Traffico bloccato e ingorghi chilometrici lungo la via che costeggia il porto. Gli studenti sono diretti verso le vie del centro cittadino già paralizzato per ore lo scorso 17 novembre. Lo striscione di testa dell’UdS Genova recita lo slogan che ha accompagnato le settimane di intensa mobilitazione: “Nell’ignoranza la sottomissione, nella conoscenza la ribellione”.
PER INFO DALLA PIAZZA – MICHELE 3474978357

Palermo
Corteo spontaneo medi e universitari di oltre 4000 studenti è partito dalla Facoltà di Lettere.
PER INFO DALLA PIAZZA – ROBERTO 3477877709

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *