Mobilità 2011 2012: nuovo incontro al Miur

Riportiamo una nota di Gilda degli insegnanti su un incontro al Miur sulla Mobilità 2011 2012.

Ricollocazione sul posto di lingua degli insegnanti di scuola primaria e mantenimento della titolarità della sede per il docente soprannumerario in organico di fatto.

Sono queste alcune delle questioni più importanti affrontate al tavolo negoziale sulla mobilità attivato presso il Miur, al quale hanno partecipato oggi i rappresentanti dell´amministrazione e dei sindacati.

In apertura di seduta le parti hanno affrontato la questione dei docenti di lingua inglese delle scuole primarie che, in caso di contrazione di classi, vengono riassorbiti sul posto comune.

L´orientamento emerso va nel senso di consentire ai diretti interessati di conservare il diritto di ritornare sul posto di lingua, qualora esso dovesse riformarsi in sede di elaborazione dell´organico. E´ allo studio la possibilità di modificare il modulo di domanda, inserendo un´apposita casella per l´esercizio della relativa opzione.

Un´altra questione affrontata durante la contrattazione è quella della sorte dei docenti che, pur non essendo soprannumerari in organico di diritto, perdano il posto in sede di organico di fatto. Le delegazioni sindacali hanno fatto presente ai rappresentanti dell´amministrazione, che il docente perdente posto in organico di fatto, mantiene la titolarità del posto.

E dunque, nell´anno successivo rientrerà nella graduatoria di istituto come gli altri docenti e sarà trasferito d´ufficio solo se risulterà soprannumerario.

Si è discusso, inoltre, della possibilità di introdurre una casella nel modulo di domanda, per consentire ai docenti soprannumerari di mantenere il diritto di esercitare l´opzione per il passaggio di cattedra anche in presenza di domanda condizionata di trasferimento. Infine è stato pattuito di intervenire con opportuni chiarimenti sulla questione del bonus dei 10 punti per la continuità, indicando espressamente il periodo in cui esso deve essere stato maturato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *