No alla demolizione dell’obbligo scolastico, sì ad una Scuola di tutti e per tutti

Riportiamo le dichiarazione di Domenico Pantaleo Segretario generale della FLC CGILin merito all’ obblogo scolastico.

L’approvazione definitiva del ddl lavoro è un ulteriore passo verso la demolizione dell’ obbligo scolastico a 16 anni.

Nei fatti, con la possibilità di assolvere l’ultimo anno dell’obbligo scolastico attraverso un contratto di apprendistato, si consente di andare a lavorare a 15 anni, senza completare un percorso formativo di base all’altezza dei cambiamenti in atto nella società e nel mondo del lavoro.

In realtà siamo di fronte all’allargamento ulteriore delle disuguaglianze sociali perché quel percorso riguarderà i figli delle famiglie più disagiate e con difficoltà di apprendimento, certamente non per coloro i quali hanno le possibilità economiche per continuare gli studi o per permettersi le scuole private.

A ciò si aggiunge che i contratti di apprendistato, che coinvolgono piccole e piccolissime imprese, si configurano spesso come negazione di diritti, se non di vero e proprio sfruttamento, senza alcun contenuto formativo.

Ma ormai questo Governo ha deciso che i diritti dei lavoratori possono essere cancellati e che l’apprendimento di massa deve essere demolito pezzo per pezzo.

Per queste ragioni intensificheremo le azioni di lotta attraverso una forte unità tra FLC, precari, studenti e mondo del lavoro per cambiare radicalmente un modello sociale che è ingiusto verso le nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *