Insegnamento della religione cattolica: va garantito il diritto all’ora alternativa

In merito all’ insegnamento della religione cattolica nelle scuole e al diritto all’ora alternativa riportiamo una nota della Flc Cgil.

Le scuole sono tenute per legge a garantire le attività d’insegnamento alternativo all’ insegnamento della religione cattolica a tutte le famiglie e agli alunni che lo hanno richiesto. Lo prevedono sia le circolari ministeriali riguardanti l’iscrizione degli alunni per l’anno scolastico 2010-2011, che la circolare n. 59 del 23 luglio 2010 riguardante le disposizioni per l’organico di fatto.

È inaccettabile che, da quanto risulta alla FLC CGIL, molte scuole non abbiano ancora provveduto a farlo.

Al fine di ricordare a tutti i Dirigenti scolastici che si tratta di un obbligo che è in capo alla loro responsabilità garantire e che, a tal fine, non serve né l’autorizzazione dell’Ufficio Scolastico Regionale né dell’Ufficio Scolastico Provinciale, pubblichiamo due note, rispettivamente dell’USR della Lombardia (leggi la nota) e dell’USR dell’Emilia-Romagna (leggi la nota) che lo ricordano.

Tale attività alternativa va assicurata:

•utilizzando prioritariamente tutti i docenti in soprannumero o con ore a disposizione presenti nella scuola
•poi affidandola (sulla base della delibera del collegio docenti) a docenti in servizio nella scuola (sia a tempo indeterminato che determinato) disponibili come ore eccedenti a pagamento oltre l’orario d’obbligo
•infine, in assenza delle due soluzioni sopra, nominando un supplente con contratto fino al 30 giugno.
Il pagamento sia delle ore eccedenti che del supplente è a carico del MEF, tramite le rispettive DPT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *