Contro le cattedere “fantasma” presidio all’USP Milano

 

Pubblichiamo un comunicato stampa sul Coordinamento lavoratori Scuola “3ottobre” Milano in merito alle “cattedre fantasna“.

Lunedì una delegazione di insegnanti precari delle superiori è andata a parlare con la dottoressa Pace, responsabile delle nomine per le scuole superiori dell’USP di Milano, per chiedere ancora una volta nuove convocazioni e il quadro completo di cattedre e spezzoni rimaste.

Ancora una volta abbiamo avuto conferma di come il problema delle cattedre e spezzoni c.d. “fantasma” cioè non comunicati dai presidi all’USP prima delle convocazioni, sia un problema assolutamente reale e che l’USP non abbia (o non voglia avere) alcun controllo della situazione e si disinteressi di porre rimedio a questo “malcostume” dei Dirigenti Scolastici. A meno chè il funzionario di turno (in questo caso la suddetta dottoressa Pace) a fare una verifica, non sia sollecitato, o meglio quasi obbligato… da chi? Dai diretti superiori? Dai sindacati? Niente affatto, dai precari stessi che questo problema lo vivono direttamente sulla loro pelle e ne pagano le conseguenze, come se non bastassero già i tagli e l’angoscia di un’attesa (di nomina) che si fa ogni anno più lunga e incerta.

9 ore all’Istituto “Don Milani” di Meda
2 cattedre all’Istituto “Carlo Porta” di Milano

Il passa-parola tra i precari ha funzionato per far riapparire queste disponibilità nel sostegno superiori, ma solo l’insistenza della delegazione ha “convinto” la dottoressa Pace lunedì a fare una verifica direttamente presso i Presidi di quegli istituti in nome di un obbligo di legge troppe volte disatteso da alcuni Dirigenti scolastici: la trasparenza.

Quante altre cattedre e spezzoni non arrivano alle nostre orecchie e quindi restano sommerse togliendo possibilità di lavoro ai precari con diritto alla nomina? Quante disponibilità in più avremmo avuto nelle ultime convocazioni se USP e sindacati confederali avessero fatto il loro dovere di controllo e vigilanza sulle scuole? Quanto durerà questa presa in giro?
In un importante istituto superiore di Milano, ogni anno da ormai alcuni anni una cattedra di sostegno “fantasma” (quindi non comiunicata all’USP dal Dirigente scolastico prima delle nomine) viene occupata dalla stessa persona senza titolo. Il clientelismo e nepotismo, effetti nefasti della chiamata diretta degli insegnanti da parte dei Presidi che tanto piace ai nostri “riformatori” al governo, è già da alcuni dirigenti praticato, ancor prima che diventi legge, approfittando della mancanza di controlli da parte di USP e dall’inerzia dei sindacati confederali.

E’ VERGOGNOSO!

MERCOLEDì 29 settembre ALLE 16 TROVIAMOCI DI NUOVO SOTTO L’UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, Via Ripamonti 85, PER PRETENDERE MAGGIORI CONTROLLI E VIGILANZA SULLE SCUOLE E CHIEDIAMO UNA SERIA E IMMEDIATA RICOGNIZIONE DA PARTE DELL’USP, DI TUTTE LE DISPONIBILITA’ SCUOLA PER SCUOLA, AL FINE DI FAR RIAPPARIRE TUTTE LE EVENTUALI CATTEDERE E SPEZZONI “FANTASMA” IN TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO PRIMA CHE VENGA DICHIARATA DA PARTE DELL’USP LA CHIUSURA DEFINITIVA DELLE OPERAZIONI DI CONVOCAZIONE DI QUEST’ANNO.

Coordinamento lavoratori Scuola “3ottobre” Milano
http://coordinamento3ottobre.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *