La protesta dei precari al Festival filosofia

La protesta dei precari della scuola arriva anche al Festival della Filosofia

SABATO SERA APPLAUDITA DAL PUBBLICO DEL FESTIVAL
LA PROTESTA DEL COORDINAMENTO PRECARI DELLA SCUOLA DI MODENA

Il Coordinamento Precari della Scuola di Modena ha organizzato sabato sera una protesta simbolica in occasione dello spettacolo di Paolo Rossi. Alcuni attivisti del Coordinamento all’inizio dello spettacolo hanno aperto davanti al palco uno striscione con su scritto: “200 mila licenziamenti: ecco la nostra fortuna. Coordinamento Precari Scuola Modena”.

Il riferimento è al tema della festival, dedicato quest’anno alla fortuna. Lo striscione è stato applaudito dal pubblico con una vera e propria ovazione. Il Coordinamento ha poi lanciato ripetutamente lo slogan: “La scuola pubblica non si tocca la difenderemo con la lotta”.

Il Coordinamento Precari della Scuola di Modena ritiene che solo con la lotta, nell’unità nella lotta dei lavoratori del pubblico e del privato, si possano respingere gli attacchi del governo e di Confindustria. Per questo una delegazione del Coordinamento Precari della Scuola era presente al presidio notturno organizzato venerdì dalla Rsu Fiom Ferrari di Modena: sabato mattina eravamo al fianco degli operai durante i picchetti davanti ai cancelli della fabbrica. Come gli operai della Ferrari hanno sempre portato la loro solidarietà alle nostre lotte – con una presenza costante ai nostri presidi e alle nostre iniziative – così noi saremo al loro fianco nella lotta contro gli attacchi che stanno subendo da parte di Marchionne a Confindustria.

Oggi la Gelmini e Berlusconi festeggiano il funerale della Scuola pubblica, ma l’attacco viene da lontanto: anche i precedenti governi di centrosinistra hanno contribuito attivamente alla privatizzazione della scuola pubblica (basta pensare ai 40 mila tagli dell’ultimo governo Prodi o al decreto “Bersani” che per primo ha trasformato le scuole in fondazioni di diritto privato). Sono numerose le iniziative dei precari della Scuola in programma nei prossimi mesi in tutta Italia: assemblee, presidi, scioperi, blocchi del traffico. Siamo consapevoli che solo con la mobilitazione di massa e a oltranza sarà possibile ottenere il ritiro dei tagli. L’esempio ce lo dà il Sud Africa, dove i lavoratori del pubblico impiego hanno scioperato per due settimane riuscendo a strappare aumenti salariali, nonostante anche là come in Italia le leggi limitino fortemente il diritto di sciopero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *