La storia siamo noi… Soprattutto ora!

Appello di Marcella Raiola a tutti i fatalisti, deterministi e rassegnati, perché non tradiscano la loro vocazione e la loro professione di “fede” nella Scuola.

CARISSIMI COLLEGHI (includo Ata, Collaboratori etc. etc., ovviamente, perché la scuola si regge grazie allo sforzo di TUTTI quelli che vi lavorano con devozione)… noi pallosissimi insegnanti del liceo classico, spesso sottoponiamo agli alunni testi da tradurre che contengono quelle che noi gli insegnamo a chiamare “parenèsi”, cioè discorsi di esortazione, di incitazione, specie alla lotta. Gli facciamo anche leggere classici in cui si trovano questi discorsi, che spesso sono esaltanti, se attualizzati, come quello di Calgaco, nell’Agricola di Tacito, che ispirò il movimento del ’68 (Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant: dove fanno il deserto, lo chiamano “portare la pace”… Chi non ricorda questo famoso slogan antimperialista?), oppure come il discorso contenuto nella lettera di Mitridate, re del Ponto, ad Arsace, nelle Historiae di Sallustio, dove Mitridate, CONVINTO di poter BATTERE i Romani (che all’epoca non parevano affatto imbattibili e che spesso hanno vinto con il denaro e la corruzione, non col valore militare!) chiama i Romani “raptores orbis”, predatori, stupratori del mondo intero (vd. l’inglese “rape”)…
Noi facciamo notare agli alunni la climax, il tricolon… Ma è difficile scrivere un discorso “parenetico”, per noi, specie se le truppe sono demoralizzate, stanche, esasperate e confuse.
E tuttavia, bisogna farlo!
Amici, a nessuno sfugge che il moltiplicarsi di iniziative estemporanee ma “estreme”, come gli scioperi della fame condotti dai colleghi palermitani, livornesi, milanesi, beneventani, ha catalizzato dei processi e polarizzato l’attenzione degli “altri” sul pianeta scuola. Il sussulto di dignità che la scuola ha avuto sta facendo breccia nel sentire comune e sta demolendo gli stereotipi diffamatòri creati e diffusi dal governo per poter poi “tagliare” la testa al personale scolastico in una misura mai contemplata.
Gli occhi espressivi e fissi di Giacomo e lo sdegno di Caterina, in sciopero della fame a Montecitorio, in una piazza “di potere” al momento presidiata dal popolo, occupata dal popolo, pretesa dal popolo, che del potere deve essere il detentore consapevole e culturalmente avanzato, sono andati anche al di là della denuncia relativa alla scuola: hanno risvegliato le coscienze narcotizzate, esortando gli spettatori a ridiventare cittadini, a dire parole, a pensare pensieri critici, a sputare sullo schifo indicibile che ci sommerge, a cacciare i mercanti dal tempio delle istituzioni.
Prodi vinse il suo confronto televisivo contro Berlusconi perché disse una parola che non fa parte del gergo politico, ma che la politica dovrebbe avere in fondo ad ogni suo percorso e progetto. La parola era: FELICITA’. Noi l’abbiamo dimenticata. Abbiamo solidarietà, gioia dello stare insieme nella disperazione e nell’analisi lucida delle nostre condizioni, letizia nell’apprendere di un successo, sorriso di incoraggiamento, ma non proviamo più la felicità. Prodi perse il suo potere perché trascurò la felicità promessa e si dispose a contare banconote, a far quadrare i bilanci, deludendo le aspettative dei suoi elettori sul fronte emotivo e psicologico.

La gente si sentì beffata e corse di nuovo dietro al pericoloso pifferaio che la felicità non la prometteva, ma la incarnava, facendola coincidere, però, col crasso godimento volgare.
Diceva Eraclito: “Se la felicità stesse nei beni materiali, allora dovremmo dire “felici” i buoi quando trovano cicerchie da mangiare!” . I buoi sono sempre nelle nostre mangiatoie. E’ ora di aggiogarli e mandarli ad arare i campi che hanno saccheggiato!
Oggi, altri occhi espressivi ho incontrato, occhi che non conosco ma che ora riconoscerei tra mille, occhi che brillavano e brillano di determinazione. Ero andata all’assemblea dei precari, presso la solita sede, con la solita prospettiva di ritrovarmi assieme ad altre 10-15 persone al massimo a discutere del da farsi, a deprecare, a esecrare e deplorare. A un tratto, mi sono ritrovata all’altro capo della fila di sedie. Ho fatto spazio ad una, un’altra, un altro e un altro ancora. Entravano da sconosciuti, ma si guardavano e ci guardavano come se fosse la millesima volta che entravano. Non sono servite presentazioni né preamboli.
Mentre i coordinatori parlavano a tutti, in una sala mai così gremita, e ascoltavano le proposte di tutti, mi è venuto in mente un brano di una famosa canzone di De Gregori, che dice: “E poi la gente, perché è la gente che fa la storia, quando si tratta di scegliere e di andare, te la ritrovi tutta con gli occhi aperti, che sanno benissimo cosa fare; quelli che hanno letto un milione di libri e quelli che non sanno nemmeno parlare; ed è per questo che la storia dà i brividi: perché nessuno la può fermare”…
Un brivido mi ha veramente percorso, perché la gente davvero sa dove andare, quando comincia a capire che E’ la Storia, che FA la Storia, che PUO’ SCRIVERE la Storia.
E’ retorica? Scusate…, ma noi che insegnamo??? RETORICA, ARTE DEL DIRE, ARTE DEL COMMUOVERE E PERSUADERE, ARTE DEL RIUTILIZZARE FUNZIONALMENTE PAROLE GIA’ DETTE PER DARE DIGNITA’ AL NUOVO O PER DESTITUIRLO DI FONDAMENTO!! Noi che la spieghiamo, cerchiamo, allora, di somatizzarne i valori!
NON CE NE FREGA NULLA SE VINCEREMO O PERDEREMO: LOTTARE E’, OLTRE CHE UN IMPERATIVO ETICO, UN OBBLIGATO PASSAGGIO PEDAGOGICO E DIDATTICO: Come entreremo, se mai entreremo più, in una classe, come potremo autodefinirci, se la nostra faccia non sarà associabile ad un solo slogan, ad una piazza, ad una lotta? Con che legittimità spiegheremo la parenèsi ai ragazzi, se non ci saremo mai fatti sedurre dalle sue sirene? Chi crederà alla nostra buona fede, alla nostra autenticità?
Mitridate ha perso, ma al potere c’era Pompeo, c’era la Res publica romana, c’era il mos, c’era la Politica. Il nostro nemico non è un Cesare magnanimo, uno Statista: è uno squallido fenomeno da baraccone, uno spettro che rifugge dalla luce proiettata dalla cittadinanza attiva.
Non pensiamo a cosa faranno “loro”, a come ci risponderanno, a cosa “ci faranno”; pensiamo a cosa fare, a come rispondere, a cosa gli faremo. Cominciamo a scrivere la storia. Le sconfitte sono le cose più feconde, per la storia. Tutti quelli che hanno scritto la storia sono stati uccisi, sono stati apparentemente sconfitti, ma hanno cambiato qualcosa, spesso tutto…
Nei prossimi giorni, da domani all’8 settembre, la Storia la scriveremo davanti ai provveditorati e in piazza a Roma. Una storia piccola piccola, che può diventare, però, nei libri del domani, un modello di resistenza per generazioni che non intendano “cascarci” più.

TUTTI IN STRADA A MANIFESTARE!

Marcella Raiola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *