Scuola Terni: tagli agli organici

Dal 1° settembre 2010 nella provincia di Terni saranno circa 170 i posti in meno fra docenti e ATA, che si sommano ai 184 posti in meno del 2009.

Questo significa:

•impossibilità di soddisfare le richieste di tempo scuola delle famiglie;
•meno inglese con la riduzione di 4500 insegnanti nella scuola primaria;
•migliaia di soprannumerari nella scuola secondaria superiore per effetto dei nuovi regolamenti;
•meno sicurezza e pulizie nelle nostre scuole per la riduzione dei collaboratori scolastici.
I cittadini hanno diritto ad una scuola statale ottima ed è per questo che la FLC CGIL e la CGIL di Terni terranno un presidio venerdì 14 maggio presso la Prefettura per chiedere di:

•ritirare il piano dei tagli al personale docente e ATA;
•rispettare le leggi e la costituzione in materia di diritto allo studio;
•rispettare le scelte delle famiglie sul tempo scuola;
•rispettare il CCNL sulle prestazioni di lavoro di docenti e ATA;
•garantire la funzionalità e la qualità del servizio;
•rendere sicure le scuole, mettendo a norma gli edifici;
•assumere a tempo indeterminato i precari docenti e ATA su tutti i posti liberi;
•finanziare i bilanci delle scuole.

Un pensiero su “Scuola Terni: tagli agli organici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *