A Ravenna e Forlì la scuola che non si rassegna incontra i cittadini

Su iniziativa della FLC CGIL due appuntamenti per far comprendere le ragioni della nostra opposizione alle scelte del governo che penalizzano la scuola pubblica.

A Ravenna il personale della scuola, gli studenti, le famiglie, le istituzioni e la società civile sono invitati a partecipare lunedì 10 maggio all’iniziativa pubblica “La scuola è una risorse del Paese? Nuovi ordinamenti e riordino della secondaria di II grado”.

L’appuntamento è alle ore 16 presso la sala D’Attorre, Via Ponte Marino, 2. Interverranno: Maria Brigida, segretaria nazionale FLC CGIL, Fabrizio Matteucci, Sindaco del Comune di Ravenna, Nadia Simoni, Assessore all’Istruzione della Provincia di Ravenna, Piero Tamburini, Presidente ARISSA (Rete Scuole Statali Autonome), Lorenzo Margotti, Rappresentante Rete Studenti Medi. Coordina Monica Ottaviani, Segretaria generale FLC Cgil Ravenna.

“La scuola che resiste” è, invece, il titolo dell’incontro pubblico con insegnanti, genitori, studenti e cittadini che si terrà a Forlì, su iniziativa della FLC CGIL, giovedì 6 maggio alle ore 17.00 presso la CdLT CGIL, Via Pecano, 7 – Sala “Luciano Lama”.

Fiorella Amadori, Segreteria FLC CGIL Forlì, presenterà l’incontro che sarà condotto da Sergio Minghetti, giornalista e insegnante. Intervengono: Sonia Biondi e Monica Mazzotti (Scuola dell’Infanzia), Ermanno Vallini e Vanni Bertozzi (Scuola Primaria), Gianna Todoli e Mara Capponi (Scuola Media) e Gaetano Avallone, Stefania Spinelli e Maura Ventimiglia (Scuola Superiore). ConcludeNicola Garcea, Segretario generale FLC CGIL Forlì e Cesena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *