Il colore dell’anima, racconto di Rita Parisi

Luca ha cinque anni, è nato in Italia. E’ un bambino gioioso, con gli occhi grandi e vispi. Ogni giorno sua madre lo accompagna a scuola, all’ asilo, dove Luca si diverte a giocare con gli altri bambini. A Luca piace disegnare e correre all’aria aperta nel cortile della scuola. Quando la mamma, alla fine del turno lavorativo, torna a prenderlo, Luca è un pò triste, perchè vorrebbe restare ancora un pò con i suoi piccoli amici, ma corre incontro alla mamma con un bel sorriso e insieme si avviano a casa. Ogni tanto per strada qualcuno li guarda con curiosità: il solito idiota, che teme la diversità, perchè non la conosce. Luca non capisce il perchè di quegli sguardi, di quei commenti crudeli, così, ogni volta, con la sua espressione curiosa, chiede spiegazioni alla mamma. “Perchè ci fissano, mamma? E’ perchè siamo neri?” Allora la mamma si ferma e gli accarezza dolcemente il viso. “Ma no, ci fissano perchè siamo belli!” Luca scoppia a ridere e, rasserenato, crede alle parole di sua madre. In fondo, i suoi compagni d’asilo non lo hanno mai fissato così, nè hanno mai commentato il colore della sua pelle. I suoi compagni di scuola lo hanno sempre fatto sentire uguale a loro, grazie anche alle maestre e alle classi miste. La mamma di Luca riprende a camminare, mano nella mano con il suo bambino, è preoccupata, pensierosa. Si sta chiedendo come farà a spiegare a suo figlio che presto dovrà lasciare i suoi compagni e andare in una nuova classe, con bambini come lui, neri, diversi dai bianchi, mentre questi ultimi potranno stare insieme. Si sta chiedendo come spiegare ad un bambino termini quali razzismo, ghettizzazione, emarginazione. Proprio lei che ha sempre parlato a suo figlio di un solo colore, quello dell’anima, quello comune a tutti, quello che prescinde dal colore della pelle, quello che qualcuno ha deciso di mettere da parte in nome di una riforma ingiusta e diseducativa, perché insegna ai bambini che chi è diverso da loro deve stare in un’altra classe, dall’altra parte del muro.

Rita Parisi, laureata in lettere moderne (ind. musica e spettacolo), collaboratrice di un quotidiano on line, autrice di un libro di poesie, edito nel 2003, per la casa editrice “LibroitalianoWorld”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *