Milano, la FLC Cgil denuncia al Prefetto i “mali” della scuola milanese

 

 

Questo blog si occupa di scuola, provveditorato e supplenze .

 

Milano, la FLC Cgil denuncia al Prefetto i “mali” della scuola milanese

Martedì 27 ottobre la FLC Cgil di Milano ha incontrato il Prefetto di Milano per rappresentargli alcune gravi situazioni che impediscono alla scuola milanese di poter assicurare la qualità e la continuità del servizio, le condizioni di sicurezza e di igiene che sarebbero necessarie, il rispetto dei curricoli di studio, la certezza del contratto di lavoro per il personale docente e ATA.

L’intento è stato quello di rompere il silenzio sulle difficoltà delle scuole e di far emergere la verità sulle mutate condizioni di lavoro cui è costretto il personale docente e ATA.

A conclusione dell’incontro il Prefetto si è impegnato a riferire la nostra protesta ai soggetti istituzionali interessati affinché siano coinvolti nelle problematiche da noi evidenziate.

COMUNICATO STAMPA

In data 27 ottobre la FLC CGIL di Milano ha incontrato il Prefetto di Milano per rappresentargli alcune gravi situazioni che impediscono alla scuola milanese di poter assicurare la qualità e la continuità del servizio, le condizioni di sicurezza e di igiene che sarebbero necessarie, il rispetto dei curricoli di studio, la certezza del contratto di lavoro per il personale docente e ATA.
I tagli imposti alla scuola comportano una effettiva riduzione dell’offerta formativa. Così è per l’insegnamento dell’inglese nella scuola primaria, le attività di sostegno per gli alunni diversamente abili, le attività alternative insegnamento della religione cattolica, e altre ancora sono state oggetto di tagli che pregiudicano la realizzazione del curricolo e mettono la scuola in condizioni di non poter rispondere alle richiesta delle famiglie.


Al silenzio sulle difficoltà delle scuole si contrappone una incomprensibile campagna di minimizzazione della realtà ad opera del Ministro Gelmini e del direttore scolastico regionale Colosio orientata ad assicurare l’immagine di una scuola funzionante, con organici disponibili fin dal primo giorno di scuola, con risorse adeguate al regolare funzionamento. Si nasconde così la verità sulle mutate condizioni di lavoro cui è costretto il personale docente e ATA:

1)SERVIZIO DI PRE E POST SCUOLA
Non è più possibile oggi continuare ad assicurare il servizio di pre e post scuola, servizio che avrebbe dovuto essere garantito dall’ente locale con proprio personale; la convenzione tra stato e enti locali ormai risalente a più di 10 anni fa, mai rinnovata, è di fatto inapplicata .Nelle attuali condizioni garantire il pre e post scuola con personale statale comporta lo stravolgimento dell’organizzazione del lavoro nelle scuole, mettendo ancora a rischio sicurezza, igiene, vigilanza;

2)LINGUA INGLESE NELLA PRIMARIA
Nella scuola primaria mancano centinaia di ore di inglese per assicurare il curricolo, mancano gli specialisti nell’organico e i posti rimangono scoperti per il diniego del direttore scolastico regionale ad autorizzarne la copertura; ai dirigenti scolastici si impongono scelte drastiche di ricorrere a forme di lavoro straordinario e di smontare i progetti di Tempo Pieno; proposte inammissibili e al limite della legalità

3)SOSTEGNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI
In tutti gli ordini di scuola sono sottratte decine centinaia di ore di sostegno agli alunni diversamente abili; secondo i dati dell’ufficio scolastico provinciale non sono stati attivati circa 280 posti per “esaurimento” dell’organico disponibile, secondo la stessa fonte il rapporto docente/allievi diversamente abili a Milano è di 1 docente ogni 2,44 allievi, mentre lo standard nazionale previsto dal MIUR è di 1 doc. per 2 allievi; se fosse rispettato anche nella nostra provincia il parametro nazionale occorrerebbe incrementare gli organici di sostegno di oltre 1000 unità… ma anche su questo il direttore scolastico regionale Colosio tace;

4)SOFFERENZE FINANZIARIE
Le scuole milanesi sono in grave sofferenza per gli ingenti crediti che vantano dal MIUR fin dall’anno 2006/07; i dirigenti scolastici sono in condizioni di non avere risorse finanziarie per nominare i supplenti, non pagano le ore eccedenti assegnate al personale docente e ATA, non hanno risorse per il normale funzionamento scolastico; gli stessi dati della direzione scolastica regionale della scorsa primavera riferiscono di una media di 140 – 160 mila € di crediti per istituto, crediti riferiti ad attività regolarmente autorizzate e svolte per le quali i lavoratori stanno avviando cause davanti alla magistratura del lavoro;

5)RICHIAMO AI DIRIGENTI SCOLASTICI
Al silenzio imposto sulle condizioni della scuola milanese contribuisce anche l’iniziativa, insolita per la nostra realtà, di un Direttore Scolastico regionale che chiede spiegazioni scritte ed in alcuni casi promuove ispezioni per quei dirigenti che sugli organi di stampa hanno rappresentato le difficoltà incontrate per garantire una scuola sicura e di qualità; stupisce in tutto questo che il Direttore Scolastico dott. Colosio affermi di venire a conoscenza dalla stampa dei guai della scuola milanese, come se decine di incontri con le OO.SS. non fossero state sufficienti nelle settimane e nei mesi scorsi a farglielo capire; stupisce che si chieda ai Dirigenti Scolastici da un lato di comunicare con la stampa quando ci sono iniziative della scuola da valorizzare, dall’altro di riferire direttamente al Direttore Regionale quando le scuole sono in difficoltà, tenuto conto che gli stessi da mesi non ottengono alcuna risposta su tutti i temi sui quali la scuola milanese manifesta le proprie sofferenze.

A conclusione dell’incontro il Prefetto si è impegnato a riferire ai soggetti istituzionali interessati affinchè siano coinvolti nelle problematiche da noi sollevate.

Milano, 28.10.09
Il Segretario Generale
FLC CGIL di Milano
Attilio Paparazzo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *