Scuola privata e diplomi falsi: dietro le truffe, anche il lavoro nero dei docenti

 

Scuola privata e diplomi falsi: dietro le truffe, anche il lavoro nero dei docenti

COMUNICATO STAMPA di www.gildains.it

“L’operazione condotta dalla Guardia di Finanza in Calabria e in Sicilia ha l’indiscutibile merito di portare finalmente a galla un marciume diffuso in una parte notevole del Paese. Ma, proprio alla luce di questo lodevole intervento delle Fiamme Gialle, non possiamo dimenticare che sono trascorsi sette mesi dalla denuncia lanciata dalla nostra associazione sullo scandalo del lavoro nero nelle scuole private”.

Così il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, commenta l’operazione portata a termine dalla Guardia di Finanza di Gela che ha scoperto un giro di falsi diplomi rilasciati da dodici istituti privati siciliani e calabresi.


“L’altra faccia di truffe come questa – afferma Di Meglio – è rappresentata dal bieco sfruttamento di tanti docenti precari che, pur di accumulare punteggio da utilizzare nelle graduatorie statali, accettano di lavorare gratis. Nonostante la gravità della situazione, – sottolinea Di Meglio – né l’Inps né il ministro Gelmini hanno risposto alla nostra richiesta di procedere a una verifica incrociata per accertare se ai docenti che hanno lavorato negli istituti paritari risultano i versamenti dei contributi. In questo modo – conclude – sarebbe possibile individuare e punire le scuole che, oltre a dispensare falsi titoli di studio, speculano sulla precarietà”.


3 Replies to “Scuola privata e diplomi falsi: dietro le truffe, anche il lavoro nero dei docenti”

  1. non c’e’ bisogno di andare in sicilia o in calabria….o in cina…si in cina…altro che cinesi che lavorano x 2 euro!!!! i nostri professori sono pagati una MISERIA e lavorano IN NERO…venite nelle marche a vedere!!!! non hanno contributi, ne ferie pagate ne malattia….questi assassini che aprono scuole private SFRUTTANO LE PERSONE DOTATE DI LAUREA DI SECONDO LIVELLO…un docente di scuola privata prende in nero meno di una persona che con tutto rispetto fa le pulizie…..ma i cinesi stanno meglio altro che!!!!!!!!! ma la guardia di finanza cosa fa???? cosa fa??? perche’ non va a controllare gli esercizi commerciali..tutti devono essere controllati…(comunque tutto parte dal nostro governo…!!!!) il lavoro nero c’e’ e non esiste solo quello dei giubbotti delle magliette firmate….ma anche quello della cultura…che schifo!!!! finanzieri andate a controllare tutti gli istituti privati…ma fatelo caspita!!!!!!! chiedete di vedere il contratto..nessuno di questi poveri insegnanti ce l’ha…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *